Finest S.p.a. - Il tuo business partner nel mondo » News dal Mondo

Home page > Press room > News dal Mondo


IL FUTURO DELLE COLLABORAZIONI ITALIA-RUSSIA SI GIOCA ALLO SPIEF

16/06/2016

Siglati nove accordi bilaterali al Forum economico di San Pietroburgo. Il vice premier russo Arkadij Dvorkovich, presente all'inaugurazione del padiglione italiano: "Segno che le nostre relazioni continuano a mantenere un livello molto alto"

Dall’energia alle start up, dalle infrastrutture alle tecnologie elettriche. Il futuro dei rapporti Italia-Russia si disegna nel padiglione italiano del Forum economico di San Pietroburgo. Proprio qui, infatti, sono stati siglati oggi nove accordi di cooperazione fra aziende russe e italiane e altrettanti ne saranno firmati domani, in attesa della visita del premier italiano Matteo Renzi. In dettaglio, sono stati messi nero su bianco cinque contratti, due memorandum of understanding e due lettere di intenti.

L'Italia è stata scelta come unico ospite d’onore alla ventesima edizione del Forum economico di San Pietroburgo. All’interno di un padiglione di 1.500 metri quadri, 22 grandi aziende sponsor presentano le eccellenze del Made in Italy e i cinque cluster dell’economia italiana attualmente più strategici per la domanda russa: meccanica-alta tecnologia, energia, agro-industria, infrastrutture e finanza

“Questo è il segno che i rapporti tra i nostri due Paesi continuano a mantenere un livello molto alto”, ha commentato il vice premier russo Arkadkij Dvorkovich, presente al taglio del nastro del padiglione insieme all’ambasciatore italiano in Russia, Cesare Maria Ragaglini, e ad Antonio Fallico, presidente di Conoscere Eurasia, l’associazione che ha organizzato lo spazio "Italia in Russia" in collaborazione con l’Ambasciata italiana a Mosca. “È proprio grazie agli imprenditori presenti qui oggi che è stato possibile realizzare questo padiglione (l’Italia è infatti stata scelta come unico Paese ospite dell’evento, ndr) - ha dichiarato Ragaglini -. Questo tuttavia non deve essere un punto di arrivo ma un nuovo punto di partenza: in Russia ci sono importanti e favorevoli opportunità di investimento e il mio desiderio è che gli imprenditori siano in grado di cogliere queste nuove occasioni così come sono stati in grado di farlo in passato”.

Si tratta di un segnale importante che indica come “l’Italia non abbia isolato la Russia, nonostante il difficile periodo e le tensioni internazionali”, ha sottolineato Fallico. “La Russia - ha aggiunto -, è per noi un Paese amico e gli accordi firmati oggi dimostrano che l’Italia ha imboccato per il verso giusto la nuova strada: quella del ‘Made with Italy’  e ha ben compreso le opportunità che si aprono, grazie anche alle politiche di import substitution volute da Mosca”. Secondo Fallico il ‘Made with Italy’ deve essere visto come il “nuovo pilastro per rafforzare le relazioni bilaterali”. Anche se ciò comporta una “diversa visione di collaborazione economica, che sembra già essere recepita”.

Fonte: RUSSIA BEYOND THE HEADLINES

 


Link


Archivio news

Eventi & Meeting

Vai all'archivio »

© 2016 Società Finanziaria di Promozione della Cooperazione Economica con i paesi dell'est Europeo – Finest S.p.A.
Via dei Molini, 4 - Pordenone – Cap. Soc. € 137.176.770,15 i.v. – Reg. delle Imprese di PN e C.F. - P.IVA 01234190930 – R.E.A. n. 52124
Società Soggetta all'attività di direzione e coordinamento da parte di "Friulia S.p.A. – Finanziaria Regionale Friuli Venezia Giulia" con sede in Trieste