Finest S.p.a. - Il tuo business partner nel mondo » News dal Mondo

Home page > Press room > News dal Mondo


DECRETO DEL GOVERNO DELLA FEDERAZIONE RUSSA DEL 16/09/2016 n. 925

07/02/2017

"Sulla priorità delle merci di origine russa e dei lavori e servizi effettuati/prestati da fornitori russi rispetto alle merci di origine straniera, e ai lavori e servizi effettuati/prestati da fornitori stranieri”

Dal primo gennaio 2017 sono entrate in vigore le restrizioni previste dal Decreto del Governo russo n. 925 del 16 settembre 2016 “Sulla priorità delle merci di origine russa e dei lavoratori e servizi effettuati/prestati da fornitori russi rispetto alle merci di origine straniera e ai lavori e servizi effettuati/prestati da fornitori stranieri”, come risposta della federazione russa all'estensione delle sanzioni.

Entra nel vivo, quindi, un ulteriore insaprimento della politica di import substitution avviata dal Governo, determinando l'obbligo per le imprese russe a controllo pubblico, diretto od indiretto che sia, ed altri enti, ad attuare una disciplina prioritaria verso i fornitori russi (e dell’Unione Eurasiatica), rispetto ai fornitori esteri.

Il Decreto stabilisce quanto segue:

– Nella fase di selezione all’interno di una gara d’appalto, i fornitori russi potranno beneficiare di uno sconto virtuale del 15% rispetto ai prezzi indicati nell'offerta, apparendo quindi come più competitivi rispetto ai fornitori stranieri;

– Nella fase di conclusione del contratto, se il vincitore della gara d'appalto è un fornitore locale, il contratto si intenderà concluso al prezzo indicato nell'offerta, ovvero senza lo sconto del 15%. Al contrario, se il vincitore della gara d'appalto è un fornitore straniero, il prezzo del contratto viene ridotto del 15% rispetto a quanto proposto dal fornitore stesso;

Le condizioni specificate nella documentazione relativa all’acquisto sono, inter alia:

• l’obbligo del partecipante di specificare nella domanda di partecipazione il Paese di origine delle merci fornite;

• l’attribuzione del partecipante ai fornitori russi o stranieri sulla base dei documenti del partecipante con le informazioni sul suo luogo di residenza (per persone giuridiche ed imprenditori individuali), sulla base dei documenti d'identita` (per le persone fisiche);

• indicazione del Paese di origine della merce fornita, sulla base delle informazioni contenute nella domanda di partecipazione presentata dal partecipante con il quale verra` firmato il contratto.

I beni sono considerati di origine russa se sono stati prodotti o sono stati sufficientemente lavorati nel Paese in conformità con le normative doganali applicabili in Russia. Inoltre, un fornitore è considerato russo se è una persona giuridica registrata in Russia (che può essere interamente di proprietà straniera, tranne nel caso specifico di settori come i media) o un cittadino russo.

 

La regola non si applica, in particolare, nei seguenti casi:

 

– se soltanto un offerente ha preso parte al bando di gara;

 

– se i prodotti offerti sono soltanto stranieri; o

 

– se il fornitore gode dello status di “fornitore unico”.

 

Per le aziende, il principale modo per ottenere lo status di un fornitore unico è stipulare un contratto speciale di investimento, in cui esse si impegnano a stabilire o ampliare la loro produzione in Russia in cambio di garanzie e incentivi fiscali.

Il Decreto afferma che la priorità garantita alle merci russe è soggetta alle disposizioni del GATT (1994) e del Trattato sull'Unione Economica Eurasiatica (2014). A tal proposito, stabilire la conformità del Decreto agli obblighi internazionali assunti dalla Russia nell'ambito di tali accordi sarà compito del Dispute Settlement Body del WTO e della Corte dell'Unione Economica Euroasiatica.

Gallery


Archivio news

Eventi & Meeting

Vai all'archivio »

© 2016 Società Finanziaria di Promozione della Cooperazione Economica con i paesi dell'est Europeo – Finest S.p.A.
Via dei Molini, 4 - Pordenone – Cap. Soc. € 137.176.770,15 i.v. – Reg. delle Imprese di PN e C.F. - P.IVA 01234190930 – R.E.A. n. 52124
Società Soggetta all'attività di direzione e coordinamento da parte di "Friulia S.p.A. – Finanziaria Regionale Friuli Venezia Giulia" con sede in Trieste