Finest S.p.a. - Il tuo business partner nel mondo » News dal Mondo

Home page > Press room > News dal Mondo


REPUBBLICA CECA: GLI INDICATORI ECONOMICI DEL 2016 RAPPRESENTANO UNA REALTA' PAESE SOLIDA E SICURA

28/03/2017

A confermarlo anche Banca Nazionale e Fmi.

Le stime individuate dalla Banca Nazionale ceca per il biennio 2017-2018 confermano un livello stabile di crescita del 2-2,5%. Anche le previsioni del FMI per il periodo 2017-2020 indicano un tasso medio di crescita del 2,3%, dal momento che la migliore performance economica dei tradizionali partner europei sara bilanciata dal rallentamento dell’economia cinese e dalla minore domanda di importazioni dalla Russia. Questi due fattori potranno frenare la domanda proveniente dai mercati emergenti, ai quali la Repubblica Ceca e indirettamente legata attraverso i suoi stretti rapporti commerciali con la Germania. Il risultato del referendum in Gran Bretagna (quarto paese di destinazione delle esportazioni ceche) potrebbe portare, secondo le prime analisi post-Brexit, ad un rallentamento di qualche decimo di punto percentuale del tasso di crescita del PIL.

Gli altri principali indicatori segnalano la perdurante solidita di questa economia: il bilancio pubblico annuale si e chiuso con un attivo di 61,8 miliardi di corone, nonostante la legge di bilancio precedentemente emanata contenesse un deficit previsionale di 70 miliardi; il rapporto debito pubblico/PIL e sceso al 38,4%, con prospettive di diminuzione al 35% entro il 2021; il tasso d’inflazione, rimasto stabile nel corso dell’anno a livello dello 0,5% si e attestato allo 0,7% a fine anno (al di sotto dell’inflation target del 2% stabilito dalla Banca Nazionale ceca); il mercato del lavoro presenta un tasso generale di disoccupazione del 5,2% a fronte di una media UE dell’8,7% e del 10,2% dell’Eurozona.

In termini reali, 381.373 disoccupati e 132.500 posti liberi disponibili. La media degli stipendi mensili ha visto nel terzo trimestre 2016 un aumento del 4,5% e la busta paga media e stata di 27.220 corone ceche (circa 1.000 euro), un incremento di quattro punti percentuali in termini reali; il comparto manifatturiero ha registrato a novembre una forte crescita pari al 7% su base annua dovuto alla produzione di veicoli, rimorchi e semirimorchi (+15,4%), alle forniture elettriche (+5,4%) e alla produzione di derivati da gomma o plastica (+9,7%).

Il setore che ha riportato maggiori benefici è quello automotive: la produzione ha raggiunto un nuovo record con 1,344 milioni di veicoli (+8,3%) dovuto alla crescita del mercato, all’efficienza delle case di produzione ed ai nuovi modelli, che rispondono bene alle tendenze del mercato europeo. A trainare la produzione e stata la Skoda Auto con un incremento annuo del 12,5% con piu di 765.000 auto prodotte.

Il commercio estero guadagna ulteriore peso specifico nel quadro economico. I dati dell’Ufficio di Statistica ceco relativi all’export indicano, per i primi undici mesi del 2016, un totale di 135,5 miliardi di euro (+6,8% in piu rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente). Un trend molto favorevole, che ha avuto risvolti fortemente positivi anche in ambito finanziario dati i processi di svalutazione monetaria messi in atto dalla Banca Nazionale ceca che hanno portato il tasso di cambio a 27 corone ceche per un euro.

I dati mostrano anche come i rapporti con l’Italia continuino ad essere ottimi anche dal punto di vista commerciale. L’export ceco verso l'Italia ha raggiunto nel 2016 un volume di 5,5 miliardi di euro (6,5% in più rispetto allo stesso periodo del 2015), mentre l’import proveniente dall’Italia si e attestato a 6,3 miliardi di euro (+16,4%). Quattro Paesi europei superano l’Italia per quanto riguarda le forniture: Germania (34,03 mld di euro), Cina (16,05 mld), Polonia (10,65 mld) e Slovacchia (6,52 mld). I maggiori clienti, invece, sono: Germania (47,58 miliardi di euro), Slovacchia (12,33 miliardi), Polonia (10,65 miliardi), Francia (7,64 miliardi) e Regno Unito (7,63 miliardi).

Fonte: Tribuna Economica, 27-03-17

Gallery


Archivio news

Eventi & Meeting

Vai all'archivio »

© 2016 Società Finanziaria di Promozione della Cooperazione Economica con i paesi dell'est Europeo – Finest S.p.A.
Via dei Molini, 4 - Pordenone – Cap. Soc. € 137.176.770,15 i.v. – Reg. delle Imprese di PN e C.F. - P.IVA 01234190930 – R.E.A. n. 52124
Società Soggetta all'attività di direzione e coordinamento da parte di "Friulia S.p.A. – Finanziaria Regionale Friuli Venezia Giulia" con sede in Trieste